Browsing All posts tagged under »racconto di viaggio«

Con le scarpe azzurre

agosto 30, 2012

7

Quella mattina Anton Grigorevich Golubev si svegliò 22 minuti in anticipo rispetto al suono meccanico della sua vecchia sveglia sovietica, cui non si era mai sentito di rinunciare per la paura che un nuovo e più tecnologico orologio potesse non essere così preciso. Anton si fece la doccia, tre minuti in tutto, si vestì con […]

Il Tibet fuori dal Tibet

gennaio 13, 2012

0

La tastiera è unta di burro di yak e l’aria è quella rarefatta dei tremila metri d’altitudine. Al collo penzola una collana tibetana e accanto a me un monaco in tunica arancione e rossa visita un sito pieno di immagini religiose. Siamo partiti all’alba da Lanzhou, dopo un piccolo volo interno da Xian. Abbiamo preso […]

Il cuoco di Timbuctu

dicembre 15, 2011

1

Il soufflé al formaggio era nel forno e Osman lo osservava dal vetro appannato con lo stesso amore con cui, anni prima, aveva guardato per la prima volta Bubacar, il suo unico figlio, che appena nato piangeva così forte da svegliare tutta Timbuctu. Osman si lavò per l’ennesima volta le mani sudate e le asciugò […]

Tempesta alle Isole Aran

ottobre 15, 2011

1

Dicono che sia la parte più selvaggia d’Irlanda. Una roccaforte di valori, cultura e lingua vecchia di cento anni. Gaelica. Nella mia testa è solo un nome, sentito molte volte, evocante: Isole Aran. Scopro per caso che un’amica che non vedo da tempo è andata a vivere lì, è uno dei pochi estranei che si […]

La magia di una notte nel deserto

ottobre 13, 2011

0

Il sole colora tutto di rosso e rosa. Qua e là di giallo, ma a predominare è sempre l’ocra nella luce e il marrone nelle ombre. Il cammello procede lento e silenzioso nel deserto, ovunque mi giri vedo solo sabbia lentamente spostata dal vento. Oscillo alto sopra le dune, le scavalco e le scalo, penetrando […]

A Saint Louis il tempo si è fermato

settembre 24, 2011

0

Se nel XIX secolo ad un cittadino francese capitava in sorte, per scelta o per obblighi lavorativi, il trasferimento nelle Colonie Africane, il posto da tutti più agognato era Saint Louis, nel nord dell’attuale Senegal. Qui c’era il meglio della borghesia francese espatriata, qui c’erano begli edifici e un clima di allegria che regnava tutto […]

Dove morivano gli schiavi

settembre 15, 2011

0

A stare lì, stretti in quelle piccole stanze senza finestre piene di umidità, sembra ancora di sentire l’odore del marcio e della malattia. Gli schiavi ci stavano solo pochi giorni in queste prigioni, in attesa di essere imbarcati per l’America in stive ancora più putride. A qualcuno toccava invece aspettare di più, ingrassato con fagioli […]